La Piwovasca:600 lt per Rosso Turchesi

Posted by on Apr 19, 2013 in Acquari, Discus &Altum | 0 comments

  All’inizio dell’anno (2013) la mia vascona da 600 lt era stata svuotata del precedente layout e l’ ho utilizzata per stoccaggio acqua per i cospiqui cambi della vasca di accrescimnto dei miei rosso turchesi. (http://www.liviagiovannoli.it/2013/02/vi-presento-i-miei-piwelli-rosso-turchesi/) Ora che la vasca di accrescimento si e’ assestata e non ho piu’ bisogno di un’ enorme quantita’ d’ acqua pronta ( ne ho sempre pronti 150 lt), posso finalmente dedicarmi a progettare ed allestire la vasca che ospitera’ tra qualche mese i miei Rosso Turchesi dell’allevamento Piwowarski. 41   Dettagli acquario: Vasca artigianale vetro 2cm 180x60x60. La vasca non ha coperchio, ma solo lastre di vetro a copertura. Filtraggio: sump 80x38x50 progettata e installata dal team tecnico Mondodiscus Luci: 4 tubi a led con attacco T8 da 25 watt cadauno ( 6500 k*)… Premessa: I pesci in questione sono considerati ‘ free parassites’ dall’ allevatore e la mia intenzione e’ quella di mantenere , per quanto sia possibile questa loro condizione, evitando di farli entrare in contatto con parassiti provenienti dall’esterno, quindi da altri pesci o dalle piante o arredi. Ecco perche’ mi sto consultando con l’allevatore stesso ed un altro amico allevatore di pesci ‘ free parassites’ , per aiutarmi ad allestire e mantenere una vasca ‘ pulita’. Dovro’ muovermi , per ottenere cio’ con calma e attenzione!!! Ma la cosa non mi preoccupa: questa volta fretta non ne ho affatto…i pesci per avere una dimensione adeguata dovranno stare almeno altri 4-5 mesi nella 300 lt ad abbuffarsi.   Febbraio 2013: Nel mio garage ho quintali di legni, di tutte le tipologia e questa volta non ho avuto bisogno di cercarne in negozio per trovare quelli che mi servivano…. li avevo già.. 42 Ho passato due settimane a girarle e rigirarle e a trovare la giusta posizione e ho consumato risme di fogli di carta per fare un progetto….   Marzo 2013: Una volta deciso   quali legni li ho messi in vasca da bagno, spazzolati  per bene, e lavati con acqua e amuchina per disinfettarli per bene e poi li ho posizionati  esattamente in vasca e ho realizzato il cosiddetto ‘hardscape’ (inserimento in acquario del fondo, legni e rocce). E’ stato un po’ complicato perche’ ero da sola ma dovevo, per dovere di cronaca, fotografare tutto e dovevo continuamente interrompere, lavarmi le mani, asciugare, fotografare e continuare il lavoro… Ma in una mattina ho fatto tutto, compreso ripulire il casino immenso e sporco che ho fatto in casa. Per questo allestimento ho deciso che utilizzero’ un substrato fertile + linea di fertilizzanti Tropica, che ,ad una grande qualita’ ,garantisce anche un pezzo abbordabile e sostenibile per un acquario di 600 lt e anche molto facile da gestire ( un solo prodotto che si dosa settimanalmente). Ho iniziato prendendo 5 + 2,5 kg di Tropica Plant Growth 1   2 Per ottenere un substrato ricco di nutrienti, drenante, adatto alle lunghe radici delle Echinodorus e per ottenere uno strato sufficientemente alto, ho mescolato i primi 5 kg di substrato tropica con del lapillo vulcanico che avevo preso mesi fa in un garden. L’ ho ben risciacquato prima: 3 Poi ho mescolato i due materiali.. 4   Nella foto qui sopra oltre al lapillo e al terriccio fertile potete vedere la copertina di un cd: Ebbene si Niccolo’ Paganini mi ha accompagnato tutta la mattina con i suoi concerti per violino…. E con le sue note virtuose ho cominciato a mettere le mani in pasta e ho mescolato tutto il lapillo al terriccio… 56   Dopo aver controllato la definitiva posizione dei legni e prima di stendere il fondo nutriente, ho scelto le rocce e la loro posizione. Dopo averle scelte, lavate, disinfettate le ho posizionate in una posizione di ‘ contenimento’. Le rocce (dragon stone) a parte la funzione estetica, mi aiuteranno a mantenere delimitato dietro ai legni e alle rocce il fondo fertile e il ghiaino, mentre davanti ad esse ci sara’ della sabbia. 78   Ho steso nelle zone che saranno occupate dalle piante il terriccio fertile. 9 10111213 Nelle zone   vicini al dislivello del fondo, ho messo solo del terriccio fertilizzato senza il lapillo…. 141516 Finito il primo step, ho lavato la scatola di polistirolo e ho iniziato a preparare il secondo stato del fondo: il ghiaino ceramizzato fine. Sono stata molto indecisa sul colore e inoltre ne avevo gia’ un po’ di sacchi a casa, quindi ho fatto un mix di ghiaino policromo naturale, con bianco e avorio. 17181920   Questo ghiaino l’ho steso sopra il fondo fertile , creando nei punti più alti un fondo totale alto circa 10 cm. 21222425 Ho sistemato un po’ meglio le rocce in modo che sembrino sbucare dal fondo e poi ho iniziato la terza fase: La sabbia: Anche qui ho fatto un mix, perche’ la volevo molto chiara ma non bianca e ho mescolato della sabbia beige con quella bianca che avevo in casa. 26 28 27   La sabbia l’ ho stesa nelle parti libere dal fondo fertile+ ghiaino, che sara’ anche libero dalle piante. 2930313233   Contrariamente al mio solito, questa volta preferisco completare il layout in un secondo momento. Questo perche’ le piante che vorrei mettere non sono al momento disponibili ( ci vorranno un paio di settimane), ma nel frattempo lascio stabilizzare il fondo e i legni che ancora galleggiano. Quindi ci ho messo due belle pietre sopra e ho iniziato a riempire con acqua di rubinetto. 3536   Mentre si riempiva la vasca di semplice acqua di rubinetto ho sistemato i materiali filtranti dentro la sump e una volta piena vasca e sump ho fatto partire i motori. 37 40Con l’hardscape completo  ho potuto sedermi di fronte alla vasca e con calma pianificare  il progetto piante.      

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *