Il mio primo plantacquario

Posted by on Dic 17, 2008 in Acquari, Plantacquari | 0 comments

Dopo 6 anni dedicati principalmente alla cura in acquario dei pesci, il mio crescente interesse per le piante acquatiche mi ha spinto ad allestire un plantacquario, per studiarne più a fondo le esigenze, le varie specie e i loro colori, gli sviluppi, la loro cura e coltivazione…… ragazzi… che fatica però…… !!!!
Quando penso ad un acquario per le piante, non riesco a pensare ad un acquario con il coperchio.Quindi, quando ho progettato un acquario dedicato alle piante, ho subito pensato ad un acquario aperto:la vasca in questione mi e’ stata costruita da un amico, sulle misure del mobile che avevo gia’ in casa:120x50x50h. Per l’illuminazione ho optato per una plafoniera sospesa della Sfiligoi con due lampade Hqi da 70 watt.Il filtraggio e’ stato affidato ad un filtro esterno JBL 120 e un impianto ELOS per la Co2.

 

L’allestimento e’ iniziato stendendo un cavetto da 100 watt sul fondo.
olandese2.jpg

La scelta del fondo e’ stata molto sofferta. Mi ero informata su varie tipologie di fondo fertilizzato… ma poi ho optato per la Flourite Seachem principalmente perche’ volevo un unico fondo e non la unione di fertilizzato e ghiaietto, perche’ conoscendo la mia smania di cambiare e spostare le piante… avrei rimescolato tutto nel giro di qualche giorno. Quindi ho optato per questa tipologia di fondo che mi piaceva anche come consistenza e colore.

 

olandese3.jpg

Il layout e la scelta delle piante e’ stata fatta a tavolino. Non e’ affatto facile allestire un acquario tutto a vista… cioe’ con tutti i 4 lati osservabili.. ; difficile rendere omogenei, armonici ed equilibrati 4 differenti lati di un acquario… e sono dovuta ricorrese spesso a fogli, righelli e centimetri per calibrare bene tutto….

 

olandese4.jpg
olandese8.jpg
olandese9.jpg

La scelta delle piante decisa a tavolino in base alle mie preferenze, e al mio progetto di layout..ha dovuto essere cambiata.. quando mi sono accorta che la maggior parte delle piante da me scelte.. non erano disponibili nei negozi … e quindi poi la scelta e’ riacaduta su: alternathera reinicki,Ludwigia glandulosa, Didiplis diandra, Micrantemum umbrosus, Micranteum micrantemoides, mayacca sellowiana e fluviatis, Criptocoryne balance,Eustralis stellata, Myriophyllum tubercularum,Rotala green ,Rotala rotundifolia, glossistigma . hydrocotyle leucocephala. ,Pogostemon helferi,Eleocharis acicularis.
Eccolo a voi

 

olandese11.jpg
olandese12.jpg
olandese13.jpg
olandese14.jpg
olandese15.jpg
olandese16.jpg
olandese17.jpg
olandese18.jpg
olandese19.jpg
olandese20.jpg
olandese21.jpg
olandese22.jpg
olandese23.jpg
olandese24.jpg
olandese25.jpg
olandese26.jpg
olandese27.jpg
olandese28.jpg

Un acquario cosi’ impostato, dove la maggior parte delle piante e’ a crescita veloce.. anzi velocissima, necessita di molta manutenzione e una accurata fertilizzazione. Per la fertilizzazione mi sono affidata alla linea Seachem, offrendo quotidianamente alle mie piante i singoli elementi di cui avevano bisogno: potassio, ferro, ecc.. usando il S Iron ,S potassion, fluorish, exel, trace. E’ sicuramente un’ottima linea di prodotti anche se necessita di molta pazienza e precisione nel dosare le giuste quantità di elementi da aggiugere in vasca. Questa tipolgia di fertilizzazione infatti insegna a riconoscere le coprire le singole carenze che hanno le piante. Per quanto riguarda l’acqua, ho usato l’acqua di rete che ha una media duretta: 500 us, ph 7,5 kh 8 gh 15. La Co2 tarata su 2 bolle al sec.Gli ospiti dell’acquario sono: un branchetto di piccole melanotenie, degli otocinclus e delle caridine red cherry.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.